Hollywood e dintorni

Icone di stile: Penélope Cruz

Dalla Spagna alla conquista di Hollywood

Iniziamo dall’ultimo red carpet, quello dei Golden Globe: come dicevamo qualche giorno fa, Penélope Cruz si è presentata splendida con un elegantissimo chignon. Ma, a dirla tutta, è raro che l’attrice spagnola non sia bellissima e perfettamente adeguata alla situazione. Un’eleganza innata, la sua, forse in parte dovuta ai suoi trascorsi di danzatrice classica, come sua sorella minore Mónica (che qualcuno ricorderà nella serie tv Paso Adelante). Ben presto, però, Pénelope ha compreso che la sua vera strada era la recitazione, così negli anni Novanta ha iniziato a frequentare la scuola di arte drammatica. I primi ruoli arrivano presto, insieme a premi e riconoscimenti del suo talento, tanto che dai set spagnoli fa preso a passare a Hollywood: dopo aver interpretato “Apri gli occhi”, infatti, è tra i protagonisti del remake americano, “Vanilla Sky”, con Tom Cruise. Penélope è molto amata anche dai registi italiani, uno su tutti Sergio Castellitto, che le offre il ruolo che le è valso il David di Donatello in “Non ti muovere”.

Nei tanti film della sua carriera, la Cruz ha dimostrato di essere un’attrice estremamente versatile, che ha saputo dare corpo ai suoi personaggi modificando anche radicalmente il suo aspetto. Proprio nel film “Non ti muovere”, ad esempio, la sua bellezza è indurita, sofferente, non ha nulla della dolce e solare ragazza che conosciamo. In “Vicky Cristina Barcelona” – dove recita con il marito Javier Bardem, assieme al quale forma una delle coppie più solide e belle di Hollywood – la ritroviamo sensualissima e con una chioma castana più che florida. I capelli “splendidi splendenti” sono uno dei marchi di fabbrica del fascino di Penélope, quasi sempre lunghi, voluminosi e nei toni del marrone. Occasione a sé è la serie “Versace: American Crime Story”, la serie sull’omicidio di Gianni Versace, dove interpreta Donatella, biondissima sorella dello stilista. Nonostante la poca somiglianza fisica, la Cruz riesce a calarsi perfettamente anche in questo ruolo, facendo dimenticare del tutto le differenze con l’originale.
Ma a parte le parentesi bionde legate a ragioni lavorative, Penélope è una tipica bellezza mediterranea: carnagione olivastra, grandi occhi scuri e capelli dal nero corvino al castano; il suo viso le consente di essere bellissima anche con un trucco molto “basic” e di poter portare con disinvoltura la frangia, che non sta affatto bene a tutte.

Se per caso, giunti a questo punto, vi state chiedendo se oltre a essere bella e brava è anche buona, beh, lo è: ha devoluto l’intero compenso per uno dei suoi film alla missione di Madre Teresa di Calcutta, è stata testimonial PETA per la difesa dei diritti degli animali e contro l’uso delle pellicce, e anche in Italia si è impegnata come madrina per la raccolta fondi dell’istituto pediatrico dell’Airc. Penélope sembra quasi troppo bella per essere vera, ma per fortuna lo è!

Stella

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici

ARTICOLO PRECEDENTE

Il miglior amico dei capelli: lo chignon

ARTICOLO SUCCESSIVO

Do/Don't: la crema idratante