Hollywood e dintorni

Icone di stile: Meryl Streep

Una delle attrici più talentuose di Hollywood, nonché donna di grande fascino, ironia, e stile.

Tre premi Oscar vinti, ben ventuno nomination; quarant’anni di carriera e un numero incredibile di film: Meryl Streep non è “soltanto” un’attrice ­­­– tra le più brave di Hollywood – ma una vera e propria icona: un modello di donna forte, capace, intelligente. Anche lo stile di Meryl Streep è stato nel corso degli anni un modello da imitare: sempre al passo con i tempi, l’attrice è riuscita sempre ad aggiungere a ogni look un tocco della sua personalità, apparendo così a proprio agio in ogni occasione.

Anche sul set è sempre stata molto attenta a ogni dettaglio dei suoi personaggi, costumi inclusi. Tutti ricordiamo il suo trench in “Kramer contro Kramer”: elegante (Burberry), ma un po’ stropicciato, esattamente come Joanna Kramer, che lo indossava. Il look era completato da un trucco invisibile e lunghissimi capelli biondi sciolti sulle spalle o raccolti, ma mai veramente domati. Per la sua interpretazione in questo film, Meryl Streep vinse il suo primo Oscar.

Eccezion fatta per i ruoli in cui era richiesto un trucco particolare – come la Margareth Thatcher interpretata in “The Iron Lady”, che le è valsa un altro Oscar – il look di Meryl Streep si è sempre mantenuto più verso lo stile “acqua e sapone” che verso qualcosa di troppo costruito. Pochissimo trucco sugli occhi, un velo di ombretto negli anni in cui è stato più di moda, un po’ di gloss sulle labbra e un tocco di blush color pesca per dare maggior risalto ai suoi splendidi zigomi.

Un discorso a parte merita Miranda Priestly, il personaggio protagonista de “Il diavolo veste Prada”, con cui Meryl fu candidata al Premio Oscar come migliore attrice protagonista. Capelli corti color argento, trucco reso più “strong” da rossetti più scuri del solito nude che siamo abituati a vedere sull’attrice, e outfit curati in ogni minimo dettaglio, ovviamente. Miranda infatti è la direttrice di Runaway, una rivista di moda che somiglia molto a Vogue, almeno quanto l’aura di Miranda ricorda quella di Anna Wintour, caporedattrice di Vogue America.

Ma come vi dicevo, fuori da ogni personaggio, Meryl Streep non sembra amare troppi fronzoli; il suo viso, così affascinante e singolare, resta bellissimo anche con poco trucco; il tempo è stato clemente con lei, ma è altrettanto vero che lei ha saputo accogliere l’età che avanza con grazia e senza drammi (ovvero senza ritocchi), portando meravigliosamente anche le rughe. Il suo fascino si è semplicemente trasformato, ma non per questo è diminuito, ed è anche questo a fare di lei un’icona di stile e un modello da tener presente tutte le volte che pensiamo che non siamo più delle ragazzine. Il fascino autentico non è davvero una questione di età!

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici

ARTICOLO PRECEDENTE

Capelli in fiore

ARTICOLO SUCCESSIVO

I segreti del cat-eye perfetto