Tutorial

I segreti del cat-eye perfetto

Impariamo a usare l’eyeliner per un makeup che definisce e valorizza lo sguardo

È uno stile che non passa mai di moda: sottile, definito, nascosto, correttivo… l’eyeliner è uno strumento versatile per valorizzare il nostro sguardo e dare personalità a tutto il look. Ma usarlo non sembra affatto semplice, e si rischia di voler ottenere un effetto cat-eye à la Audrey Hepburn per ritrovarsi poi con un effetto panda che ci costringe a struccarci e ricominciare tutto da capo.

Ma calma e sangue freddo: quella piccola virgola all’insù che rende più seducente lo sguardo non è un’utopia! Vediamo insieme quali sono i trucchi per un perfetto cat-eye.

1. Scegliere il prodotto migliore
Esattamente come un buon piatto nasce soprattutto dalla scelta di ingredienti di qualità, anche un make up perfetto non può prescindere da prodotti validi e adatti alle nostre esigenze. Esistono diversi tipi di eyeliner, e non ne esiste uno universalmente “migliore” rispetto agli altri (altrimenti produrrebbero soltanto quello, non trovate?). Ogni persona ha una sua manualità, dunque passate in profumeria e dedicate un po’ di tempo ai tester dei vari applicatori in commercio: l’eyeliner a penna, comodo anche per i ritocchi al volo, da maneggiare come una matita occhi e più semplice da gestire; o quello con il pennellino, se avete la mano un po’ più ferma: setole lunghe, corte, o pennello angolato da intingere nel prodotto; e ancora, attenzione anche alla formulazione: liquido, in crema, o in polvere? Prendetevi il tempo necessario anche per questa scelta: una volta trovata la combinazione perfetta applicatore-texture, il vostro lavoro sarà più che facilitato.

2. Mettetevi comode!
Se siete il tipo di persona che si trucca in fretta in ascensore o sul tram, lasciate perdere l’idea di un cat-eye perfetto! Anche se col tempo riuscirete a farlo in pochi secondi, è importante che siate in una posizione comoda e stabile. Iniziate a prendere la mano mettendo il gomito su un piano d’appoggio, in modo da rilassare il braccio ed evitare il pericoloso effetto-tremarella, rendendo automaticamente la mano più ferma.

3. Piccoli tratti, per sbagliare di meno
Non tracciate la riga con un unico tratto, rischiate di aumentare la possibilità di fare errori e di dover ricominciare da capo. Se riuscite, trattenete il respiro mentre tracciate ogni singolo pezzetto della riga (e riprendete fiato tra un pezzetto e l’altro, ovviamente!): potrà sembrarvi uno strano consiglio, ma respirando le nostre mani si muovono impercettibilmente.

4. Assecondate la forma del vostro occhio
Non stravolgete i contorni dei vostri occhi, poggiate il pennello sul bordo e usatelo come guida, angolando il pennello (o la punta della penna) man mano che vi spostate verso l’esterno. Se state usando un pennello angolato, ricordatevi di rivolgere sempre la punta verso il naso, muovendovi sempre verso l’esterno per disegnare il contorno dell’occhio. Per la coda del cat-eye, invece, passiamo al prossimo punto.

5. Ogni occhio ha la sua coda perfetta
La codina del cat-eye è la parte più importante, spauracchio di molte, ma sappiate che non esiste un unico modo per tracciarla; come dicevo all’inizio, ognuno ha una sua manualità, ma soprattutto ogni occhio ha una sua forma alla quale adattare questo stile. Ma ci sono alcuni trucchetti universali per facilitare il lavoro. Se ad esempio state usando un pennello angolato, è il momento di rivoltare la punta verso l’esterno e tirare la riga procedendo dall’esterno verso l’interno dell’occhio. Un altro stratagemma sempre valido è il buon vecchio pezzetto di scotch messo in diagonale all’angolo dell’occhio, a mo’ di righello su cui poggiare l’applicatore mentre si traccia la coda. Anche tenere l’occhio ben aperto può aiutare: basta seguire una linea ideale dall’angolo dell’occhio verso le tempie.

Qualsiasi tipo di applicatore stiate usando, infine, ricordate sempre di non tenerlo perpendicolare all’occhio, ma di inclinarlo leggermente, muovendovi dall’alto per evitare di entrare in contatto con le ciglia e sporcare il risultato. Tenete comunque sempre a portata di mano un cotton fioc, da bagnare con un po’ di struccante per ripulire le piccole sbavature.

Ricordate che nessun volto è perfettamente simmetrico, e perciò non lo saranno nemmeno le vostre righe di eyeliner: l’importante è che il risultato d’insieme sia armonico e valorizzi il vostro sguardo. Voi comunque continuate a fare pratica e – anche grazie a questi piccoli trucchetti – il cat-eye non avrà davvero più segreti!

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici

ARTICOLO PRECEDENTE

Icone di stile: Meryl Streep

ARTICOLO SUCCESSIVO

Scelti da Ethos Profumerie – Pure Color Liquid Envy di Estée Lauder